IMA Italian Music Academy è una realtà musicale in continua evolu- zione. Gli allievi di questa auten- tica “factory” del talento artistico, insignita del Premio Eccellenze 2018, continuano a mietere suc- cessi e riconoscimenti in tutta Ita- lia. Sono ben quindici gli studenti della IMA che ad agosto si sono esibiti a “IBand”, nuovo contest di La 5 in onda da Cinecittà World; otto quelli che hanno partecipato alla semifinale del “Premio Nilla Pizzi” , festival dedicato all’indi- menticata regina della canzone italiana, in onda dal Grand Hotel di Salsomaggiore Terme. Altri ra- gazzi si sono distinti nei contest Tour Music Fest, Bologna Musi- ca d’Autore e Deejay On Stage, a riprova di una qualità musicale che, in ambito didattico, ha pochi eguali. “Quando nel 2016 abbiamo presentato il progetto IMA Italian Music Academy – spiega Fabrizio Frigeni, direttore della IMA e arte- fice di questa inarrestabile escala-

tion – in molti si chiedevano quale fosse l’obiettivo del percorso che avremmo intrapreso. A distanza di 3 anni, possiamo affermare che la nostra realtà ha preso forma diret- tamente sulla base dei sogni e dei desideri espressi dai nostri iscrit- ti. Alla IMA si entra da subito in contatto con volti noti del mondo dello spettacolo, come la nostra vo- cal coach Lalla Francia, ci si con- fronta con altri talenti emergenti e si prova a realizzare quello che è il sogno di molti ragazzi: trasforma- re un bellissimo hobby in un vero e proprio lavoro”. Ma c’è di più. Da quest’anno infatti è nata la “formu- la management”: gli alunni più me- ritevoli vengono ingaggiati diretta- mente da Frigeni, che li segue nel loro percorso artistico 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno. L’ex chitarrista degli 883, che a 20 anni ha avuto la fortuna di lavorare al fianco di grandi talent scout quali Claudio Cecchetto, Lele Mora ed altri, ci racconta questo ennesimo cambio

di passo: “È stata una decisione au- dace e, al tempo stesso, inevitabile. Accompagnare gli allievi ai casting mi ha ricordato quanto sia impor- tante avere accanto una figura ma- nageriale. Un manager ti segue per aiutarti a gestire al meglio il tempo e le risorse; raccoglie e distribuisce le informazioni necessarie lungo il tuo cammino; è un consulente fi- dato nel caso in cui le cose per te si mettano bene, oppure no”. Sono già 15 i ragazzi che hanno sottoscrit- to un impegno contrattuale che li proietta, di fatto, nel mondo del la- voro. “La fiducia che allievi e fami- glie hanno riposto nel mio operato, mi ha spinto ad alzare il telefono per prendere, o talvolta riprendere, contatti con produttori e discogra- fici” conclude Frigeni. “Accompa- gnare i nostri ragazzi verso il loro primo contratto discografico è un traguardo sempre più vicino: entro la fine del 2019 contiamo di por- tare in studio di registrazione una decina di giovani talenti”.